RSS
Post Icon

Saving Mr. Banks

Salve ragazze, è da un po' che non faccio una recensione e dato che qualche giorno fa sono andata a vedere un film molto interessante, vorrei parlarvene. Si tratta di Saving Mr. Banks, e probabilmente ne avrete sentito parlare. E' molto chiacchierato essendo il primo film che parla di Walt Disney, interpretato dal grande Tom Hanks. In realtà la vera protagonista è Pamela Travers, interpretata da un'altra grande attrice, Emma Thompson, che è l'autrice della famosa storia di Mary Poppins. L'intero film è ispirato alla vera vicenda tra Mr Disney e la signora Travers: forse non molti sanno (io per prima) che l'autrice non voleva assolutamente cedere i diritti per il film e Walt Disney dovette insistere per ben vent'anni. Pamela era una donna molto testarda, cinica e anche un po' scontrosa ma il vero motivo del suo comportamento è tutto dietro la sua infanzia: infatti è figlia di un padre alcolizzato, una madre depressa e cresce in condizioni economiche precarie. Mary Poppins è la sua unica famiglia e la sua paura più grande è che possa essere trasformata in un cartone animato frivolo e insulso, come ritiene siano tutti quelli di Disney. Ma lui non si da per vinto e vuole ottenere la sua fiducia e approvazione a tutti i costi, soprattutto per mantener fede ad una promessa fatta molto tempo fa alle sue figlie. E' molto bello come Pamela ripercorra indietro tutta la sua infanzia, con dei continui flash back, e man mano viene svelata la sua vera storia e cosa le ha ispirato la magica bambinaia. Lo stesso Walt impara a conoscerla e alla fine capisce il vero significato della storia di Mary Poppins, che è anche la parte che più mi è piaciuta dell'intero film: lei non è andata a salvare i bambini, ma il loro papà, e da qui il titolo della pellicola. Un film straordinario, come del resto anche il suo cast, che mi ha fatto vedere da un altro punto di vista uno dei ricordi più belli della mia infanzia. Assolutamente consigliato, non vi deluderà.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

0 commenti:

Posta un commento